Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie eventualmente di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa estesa.
SOSTENIBILITÀ 27-11-2019
AIEL tra i sostenitori SWITCH4AIR: campagna di comunicazione per migliorare la qualità dell`aria in europa
Qualità dell`aria, una sfida concreta: l’industria della bioenergia è in prima linea per vincerla

AIEL Associazione Italiana Energie Agroforestali, che rappresenta le imprese della filiera legno-energia e promuove la corretta e responsabile valorizzazione energetica dei bioscombustibili legnosi, è tra i sostenitori della campagna SWITCH4AIR, promossa da Bioenergy Europe, per aumentare la consapevolezza di come l'industria delle bioenergie possa contribuire al miglioramento della qualità dell'aria. 

Per migliorare la qualità dell'aria in Europa c'è bisogno dell'impegno e del contributo di tutti, dai responsabili politici all'industria, dagli installatori ai consumatori finali. L'impegno prevede l'invito a un'azione politica volta a favorire da un lato lo sviluppo delle tecnologie ad alta efficienza e basso impatto e dall’altro azioni per ridurre le emissioni. Per dare forza a questo messaggio Bioenergy Europe invita a sostenere la campagna firmando un impegno comune: accrescere la quota di energia rinnovabile in Europa, riducendo al contempo le emissioni in atmosfera. 

Il riscaldamento domestico è responsabile del 78,9% del consumo di energia complessivo nel settore residenziale. Per questo è  essenziale coprire l’importante domanda di energia del comparto con fonti energetiche pulite e carbon-neutral. Il riscaldamento a legna può essere la risposta giusta, sia per le sue caratteristiche di fonte energetica rinnovabile che per gli importanti investimenti in ricerca e sviluppo che il settore ha realizzato, arrivando a produrre nuovi apparecchi in grado di diminuire significativamente le emissioni inquinanti nell’atmosfera.

Il comparto del riscaldamento domestico a biomasse è capofila non solo per decarbonizzare la domanda di calore ma anche per ridurre gli impatti sulla qualità dell’aria derivanti dal riscaldamento residenziale, sostituendo le vecchie installazioni sia fossili sia a legna con moderni sistemi di riscaldamento a biomasse. Per raggiungere questi obiettivi, la campagna SWITCH4AIR promuove quattro interventi chiave per ridurre le emissioni del riscaldamento a legna.

 

  • Sostituire i vecchi apparecchi con moderne tecnologie. Una stufa moderna emette circa 278 volte in meno rispetto a un camino aperto. Questo è possibile grazie a un aumento dell'efficienza e a un miglioramento della tecnologia di combustione. Attualmente, il parco apprecchi attivo è nel complesso troppo vecchio e inefficiente. Questi impianti vanno sostituiti con nuove tecnologie, altamente performanti e in grado di abbattere le emissioni inquinanti.  Il passaggio a moderni apparecchi caratterizzati da basse emissioni deve però essere equo per il consumatore finale e, allo stesso tempo, deve essere sostenuto da iniziative politiche e incentivi. In questo modo si consentirà ai consumatori finali di avviare il turnover tecnologico negli apparecchi.
  • Usare solo combustibili di qualità. Le caratteristiche dei combustibili, come il contenuto idrico, hanno un grande impatto sull’efficienza di combustione e sulle emissioni in atmosfera. Si stima che l'utilizzo di legna da ardere con meno del 20% di umidità consenta una riduzione delle emissioni di 8 volte (rispetto al legno con il 30% di contenuto idrico) e contemporaneamente aumenti l'efficienza dell’apparecchio. Inoltre, gli standard di qualità dei combustibili e gli schemi di certificazione come ENplus® sono essenziali per garantire bassi livelli di emissioni in atmosfera.
  • Accertarsi che gli installatori siano formati e qualificati e che venga eseguita una manutenzione periodica. Gli installatori svolgono un ruolo fondamentale nel processo di transizione energetica nel settore domestico e nel passaggio alle energie rinnovabili. Essendo a diretto contatto con i consumatori finali ne possono aumentare la consapevolezza. Inoltre, attraverso le operazioni di manutenzione e pulizia, assicurano un corretto funzionamento dei sistemi di riscaldamento e possono educare gli utenti finali su come gestire e far funzionare correttamente gli apparecchi, aumentandone quindi l'efficienza. Per questi motivi, le loro conoscenze e le relative raccomandazioni all’utente finale anche in termini di apparecchio da installare sono fondamentali per garantire maggiori performance e una riduzione delle emissioni.
  • Aumentare la consapevolezza degli utenti finali. La conoscenza dei consumatori in termini di corretta combustione deve essere migliorata. Per tale ragione, dovrebbero essere promosse delle campagne pubbliche di sensibilizzazione alivello nazionale e locale.

 

Nell'ottica di una comunicazione il più possibile trasparente ed esaustiva, SWITCH4AIR ha lanciato un quiz con cui i cittadini potranno mettere alla prova le loro cononoscenze sul settore delle biomasse e 4 video consigli in lingua inglese per spiegare le sue proposte. La campagna SWITCH4AIR offrirà anche l'opportunità di partecipare ad un webinar, in programma giovedì 12 dicembre 2019, dalle 11:00 alle 12:30, durante il quale saranno presentate i numeri chiave del settore e i vantaggi delle tecnologie a basse emissioni per ridurre gli impatti dei sistemi di riscaldamento a legna sulla qualità dell’aria. Per partecipare al webinar Registrati qui.