Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie eventualmente di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa estesa.
POLITICA 08-10-2019
Coordinamento FREE al Ministro Patuanelli: dal 2020 necessario rendere operativi gli incentivi per tecnologie innovative nel settore delle rinnovabili

A seguito dell'incontro dedicato al "Ruolo del settore agricolo e forestale proposto nel Piano Nazionale Integrato Energia Clima" promosso dal coordinamento FREE (Coordinamento Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica) svoltosi a Roma lo scorso 2 ottobre, le 20 associazioni aderenti al coordinamento, tra cui AIEL, hanno firmato una lettera congiunta rivolta al Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli per sollecitare la definizione del Decreto FER 2, uno dei tasselli fondamentali perché il sistema Italia sia pronto ad affrontare, realizzandoli, gli obiettivi del PNIEC.

 

Riportiamo di seguito il testo del comunicato stampa:

 

Incentivi a nuove tecnologie come bioenergie, geotermia e solare termodinamico

 - Roma, 7 Ottobre 2019 - “Signor Ministro, mentre fra poco più di un anno diventerà operativo il Piano Nazionale Integrato Energia e Clima, manca ancora il Decreto FER 2, uno dei tasselli fondamentali perché il sistema Italia sia pronto ad affrontare, realizzandoli, gli obiettivi del Piano. A tal fine è infatti essenziale che all’inizio del prossimo anno diventino operative le misure di incentivazione di tecnologie innovative (bioenergie, geotermia, solare termodinamico) per le quali esistono in Italia importanti filiere industriali e che, nel caso delle bioenergie, avranno impatti positivi anche sul sistema agroforestale”. È questo il passaggio iniziale della lettera del Coordinamento Free, Fonti rinnovabili ed efficienza energetica che raggruppa oltre 20 associazioni del settore, inviata all’attenzione del Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli.

 

Leggi il comunicato stampa del 2 ottobre su "Il ruolo del settore agricolo e forestale nel Piano nazionale clima ed energia"